La pratica della Geometria Sacra

“La Geometria è la conoscenza dell’eternamente esistente.”
Platone

Nella nostra epoca la matematica e la geometria sono state confinate ad un ruolo strettamente pratico-funzionale. Vengono sì utilizzate per progettare e costruire opere straordinarie, tuttavia continuano ad essere considerate come semplici strumenti di organizzazione e trasformazione del mondo materiale. Gli antichi saggi sapevano bene che, oltre all’uso ordinario, la matematica e la geometria possono essere utilizzate come potenti strumenti di contemplazione armonica, di risveglio dell’intuizione, di meditazione e di realizzazione del Sè.
Questa è appunto l’arte della Geometria Sacra, ben conosciuta, celebrata e coltivata dai saggi, filosofi, artisti, musicisti ed architetti dell’antichità quanto apparentemente negletta negli ultimi secoli di solidificazione, di dimenticanza del Sè, di ordinaria confusione tra piano psichico e spirituale. Dico apparentemente negletta perchè in realtà il Simbolismo Geometrico non ha mai cessato di essere utilizzato, con vari scopi ed a vari livelli, da gran parte delle fratellanze iniziatiche. Per questo lo troviamo diligentemente applicato in una miriade di simboli politici e religiosi, edifici, strutture urbane, ecc.  La Geometria Sacra è stata dunque, soprattutto negli ultimi secoli, una disciplina per pochissimi nell’inconsapevolezza dei più. Fortunatamente la Coscienza collettiva sta invertendo la tendenza e sempre più esseri umani ritornano a pre-sentire le profondità armoniche, intuitive e realizzative che la pratica della Geometria Sacra ci offre. Sono davvero pochissime le pratiche che possono lavorare direttamente sull’intuizione pura, la Buddhi. La Geometria Sacra è senza dubbio una di esse. Per questo molte Scuole Sapienziali del passato la tenevano in altissima considerazione. Non mancano dunque buoni motivi per dedicarsi allo studio ed alla pratica di questa disciplina.
Eccone alcuni:
– per contemplare e immedesimarsi nelle armoniche proporzioni e corrispondenze della natura e del Cosmo;
– per comprendere perchè vari artisti hanno usato particolari forme geometriche, simboli e rapporti nelle loro
opere pittoriche, scultoree, musicali, architettoniche, cinematografi che, ecc. ;
– per orientarsi in modo più consapevole nella “foresta di simboli” politici, religiosi, pubblicitari che ci circonda;
– per saper leggere l’affascinante e misterioso linguaggio dei cerchi nel grano;
– per chiarificare e acquietare il turbolento piano psichico;
– per stimolare la Buddhi, l’intuizione creativa e spirituale;
– per scoprire gli archetipi e le strutture fondamentali della Coscienza;
– per aprirci alla realizzazione della nostra vera natura impersonale: il Sè.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...